Gli Ascoltabili si cimenta con la comedy su un tema di grande attualità: le coppie…scoppiate!

Deliziosa, irriverente, Scemi da un matrimonio – Tragistorie di coppia, la serie di podcast pensata e scritta da Giuseppe Paternò Raddusa, vanta interpreti di grande rilievo. 

Il matrimonio fortifica la coppia… sì, forse in un mondo parallelo. 

Scemi da un matrimonio – Tragistorie di coppia è il titolo della nuova serie comedy de GliAscoltabili.it, con la quale arricchiamo l’offerta di podcast gratuiti che prende posto tra altri format di successo come Destini Incrociati e Demoni Urbani

Il titolo richiama ironicamente quello del film “Scene da un matrimonio” di Ingmar Bergman; obiettivo della serie di podcast è infatti quello di raccontare i passaggi più bizzarri, folli e allucinati nell’esistenza di una coppia. Ne sappiamo tutti qualcosa, e per questo la coppia, intesa come passaggio anche transitorio di vite che si incrociano, è un microcosmo da esplorare con ironia, divertimento, forse il modo migliore di affrontare anche realtà non propriamente idilliache… Com’è che diceva Vasco rossi? ”Come nelle favole?”

Ancora una volta una serie di podcast di successo in uscita settimanale, da ascoltare tutta d’un fiato, in 12 irresistibili episodi.

Dodici episodi in cui ventiquattro persone, omo- ed etero-sessuali (il mondo è bello perché vario) si scontrano con uno degli ostacoli più pericolosi e sfidanti di sempre: imbastire un legame sentimentale senza finire in manicomio. O al Pronto Soccorso. 

Ossessione per il tradimento, cambi di genere, maschilismi e terrore della vecchiaia: questi alcuni dei temi che ispirano gli episodi di podcast.

Ogni puntata viene affidata a due importanti interpreti del panorama teatrale italiano, chiamati a interpretare i membri di una delle dodici coppie; a Giacomo Zito, ideatore e voce di Destini Incrociati e fondatore della piattaforma insieme a Simone Spoladori, il compito del narratore, “mentore spirituale” che raccorda i momenti più distruttivi ed esilaranti delle storie raccontate. 

“Sono veramente felice di fare da mentore narrante a queste coppie. Lo trovo un registro narrativo leggero, divertente, ironico. Per un’anima da doppiatore come me è davvero gratificante. E poi lavorare con attori che conosco e stimo è veramente esaltante: Roberta Federici, Dario Merlini, Dario Sansalone, Daniele Crasti, Angela Ricciardi, Marta Lucini, solo per citarne alcuni. Non ho ancora finito la prima serie di podcast, che vorrei sapere quando cominciamo la prossima!”

Queste le parole di Giacomo, al quale rispondiamo che la seconda serie di Podcast di “Scemi” (ormai in redazione lo chiamiamo così) dipenderà dal successo del podcast e dagli ascolti, che ci auguriamo molto numerosi.

Il 2019 è l’anno dei podcast e “Scemi da un matrimonio” segna un cambio di marcia per celebrarne l’esplosione!

Noi de GliAscoltabili.it abbiamo cominciato a produrre nuovi format di podcast di diverso genere narrativo. Dal talk show a comedy di intrattenimento come Scemi da un Matrimonio, che ha una struttura veloce, simile a un reality, ma in grado di esaltare le doti interpretative degli attori che prendono parte con entusiasmo alla produzione. Chiediamo a Giuseppe Paternò Raddusa di raccontarci il primo episodio, senza spoilerare troppo, s’intende!

“La prima puntata del podcast è dedicata a una coppia giovane. Eddie è un fashion designer, Martino uno scrittore di successo: sono la coppia più invidiata di tutta Milano. Fino a quando Martino entra in un vortice di paranoia e depressione quando scopre che Eddie, su Instagram, ha iniziato a seguire un bel ragazzo con il quale ha iniziato a chattare. La sofferenza di Martino è così pressante da minare la serenità della coppia. Martino inizia a essere sospettoso e a peggiorare la qualità del suo lavoro, ossessionato dall’idea di inchiodare il compagno. L’ossessione di Martino si spinge a livelli altissimi, tanto da organizzare un’imboscata al ragazzo e…”

Ok Giuseppe, basta così, altrimenti non ci divertiremmo nell’ascoltare un podcast di cui sono già disponibili on line diverse puntate, così che potrete goderveli “a nastro”, come si dice tra i podcast addicted in stile Netflix!

Un’ultima cosa la chiediamo a Giuseppe: come pensi che evolverà il futuro del podcast dopo questa sperimentazione?

“Ogni produzione de GliAscoltabili è sperimentazione. Certo, utilizziamo stili e modalità conosciute, come il narratore fuori campo che parla direttamente al pubblico, gli attori che rappresentano le loro storie, ma anche gli attori che rompono la quarta parete e si rivolgono direttamente al pubblico, un po’ come accade nei confessionali dei reality. Come vedi si parla di contaminazione di generi che ci aiuta a disegnare nuovi scenari del podcast italiano.”

Una serie di podcast tutta estiva da ascoltare sulla sdraio in spiaggia. “Scemi da un matrimonio” è così: un momento di leggerezza per riflettere su se stessi.

Come si dice? Si raccontano aspetti seri della vita con ironia e divertimento. Non abbiamo ambizioni particolari nel cambiare il mondo. Noi de GliAscoltabili.it ci limitiamo ad osservarlo e a offrirlo in podcast di intrattenimento come “Scemi”, pronti a far trascorrere a pubblici diversi venti minuti di puro divertimento!

Non vi resta che tuffarvi nella sezione del sito che ospita tutte le nostre serie e decidere in cosa immergervi: l’offerta di podcast de GliAscoltabili sta diventando talmente ampia da soddisfare ogni interesse del sempre più vasto pubblico dei podcast italiani!


I “podcast addicted” italiani

Ecco i nuovi campioni della gestione del proprio tempo

podcast preferiti italiani

Sanno che cosa sono i podcast, come crearli, dove scaricarli. Sono tra noi, in auto, dove trovano i podcast scaricandoli a iTunes, sul tram, con le loro cuffiette, mentre ascoltano podcast italiani e stranieri, in palestra, tra le fila di una sessione di spinning, con il loro device dove scaricare il podcast preferito. Appartengono a ogni tipologia sociale. Di cultura medio alta, così come alto è il loro reddito, ma anche operai, agricoltori, impiegati, che hanno imparato come amministrare al meglio il loro tempo, che è sempre scarso e guai a sprecarlo.

Tutti sappiamo come gli smartphone stanno cambiando le nostre abitudini, viviamo con disagio l’isolamento che ci contagia in metropolitana, per non dire al ristorante, rapiti dal richiamo del nostro schermo e di relazioni virtuali consumate sul web. Eppure il cambiamento verso una maggiore consapevolezza sembra passare proprio dal nostro inseparabile dispositivo mobile che ci garantisce connessione continua con il mondo sociale cui apparteniamo. Come? La rivoluzione arriva dal suono e dai contenuti on demand. Dai podcast, per intenderci.

Per una volta essere “podcast addicted” non assume connotazioni negative, anzi. Basta solo un pizzico di organizzazione e soprattutto: sapere cosa sono i podcast, dove si trovano i podcast e, soprattutto, quando ascoltare i podcast.

Ottavio, direttore editoriale, consumatore seriale di podcast italiani e stranieri, rigorosamente on demand.

La sua giornata è  frenetica, tra manoscritti da leggere (più ne legge più gli si accumulano sulla scrivania), scrittori da incontrare, presentazioni cui presenziare. Per questo non c’è mai abbastanza tempo nella sua giornata, da dedicare alla famiglia o alla sua passione, i libri antichi. Ottavio ha un’ossessione giustificata dal suo lavoro: tenersi costantemente aggiornato. Per questo ha escogitato un sistema infallibile. Ogni sera mette in carica il suo smartphone collegandolo al computer, già programmato per scaricare al momento giusto il nuovo podcast sulle uscite editoriali il lunedì, il podcast del Newyorker il martedì, il podcast su come scrivere longform di successo il mercoledì e il podcast la Zanzara il giovedì, perché l’impegno gratifica, ma ogni tanto una mezz’ora di cazzeggio ci vuole.

Al mattino Ottavio salta in macchina e piazza lo smartphone sul suo supporto. E la sua auto è pronta a intrattenerlo nei trentacinque minuti che lo separano dall’ufficio.

Ottavio: podcast addicted #1

Veronica, stylist per una nota casa di moda. Ascolta podcast per nutrire la mente di contenuti non visivi, che le aprano nuovi orizzonti.

Veronica ha studiato business of fashion al Polimoda di Firenze. Il suo primo impiego è l’ennesima sfida della sua vita. Due collezioni all’anno più le capsule collection per seguire il mercato sono un impegno importante. Ha bisogno di continua ispirazione, di respirare i trend, di conoscere ciò che accade nel momento stesso in cui accade. Per lei il suo smartphone è iscritto ad alcuni dei podcast di moda più importanti del settore. Girlboss Radio è il podcast per conoscere i segreti delle più grandi professioniste del settore. Non manca anche Vogue Podcast, condotto da André Leon Talley per stare sempre connessa su tutte le tendenze in ascesa. Al terzo posto il podcast pop fashion condotto da Kaarin Vembar, stylist che Veronica ha eletto a modello per il suo futuro. Ne è talmente una fan che anche lei un giorno vuole riuscire a imparare come fare un podcast come il suo. 

Veronica, impegnata com’è tra meeting, organizzazione di sfilate, visite ai flagship store, ascolta i suoi podcast preferiti la sera prima di addormentarsi: chiude gli occhi, si rilassa da ogni stimolo visivo, ma tiene viva la mente pronta per il giorno successivo. 

Veronica: podcast addicted #2

Francesco, insegnante di filosofia, appassionato di cinema e nerd per vocazione.I podcast sono per lui una finestra sul mondo, nutrimento per la mente.

Staccarsi dall’insegnamento è per lui come smettere di respirare. Ma le sue anime sono diverse, appassionato di tecnologia, conosce tutte le novità del web e le app che stanno trasformando i nostri costumi. Infine il cinema, per il quale potrebbe disdire qualsiasi incontro galante, quando non riesce a unire entrambe le cose. Il suo smartphone è attivo la mattina e la sera sul tram che lo porta al liceo. Sempre con il sorriso stampato in faccia, d’altronde per un professore, aprirsi a nuovi orizzonti attraverso i podcast italiani che ascolta mattino e sera è un piacere. Comincia con “I Magnifici Sette” de Gli Ascoltabili, podcast sul cinema di oggi e di ieri. Non manca il podcast di Dario Vignali, per scoprire che, in fondo, anche lui non è male quanto a conoscenza di tecnologia. Piccolo segreto? La passione per Filosofarsogood, il podcast di filosofia. Perché anche se la insegna, a Francesco piace continuare a imparare!

Francesco: podcast addicted #3

Facile diventare un podcast addicted, un po’ meno smettere se, come dicono le statistiche, i podcast italiani stanno letteralmente esplodendo, sia per chi sa come fare un podcast, che per chi sa dove e quando ascoltarlo.